Logo Regione Autonoma della Sardegna
Le entrate della Regione Sardegna

Tributi minori

 
Consulta l'immagine Monete sulla Digital Library
Monete

Rientrano fra i tributi minori: le tasse sulle concessioni regionali, la tassa regionale per il diritto allo studio universitario e l’imposta speciale di deposito in discarica.
Tasse sulle concessioni regionali
Le tasse sulle concessioni regionali si applicano agli atti e ai provvedimenti con cui la Regione consente l’esercizio di determinati diritti e facoltà. Si distinguono in: tasse di rilascio, tasse di rinnovo, tasse annuali e tasse di visto o di vidimazione.
La Regione ha la facoltà di applicare o meno questi tributi.
Queste tasse sono disciplinate dall’art.3 della Legge 281/70, così come sostituito dall’art.4 della Legge 158/90.
Tassa regionale diritto allo studio universitario
La tassa regionale per il diritto allo studio universitario è un tributo destinato a incrementare le disponibilità finanziarie delle regioni che possono così erogare borse di studio e prestiti d'onore per studenti universitari capaci, meritevoli e privi di mezzi.
È stata istituita come tributo proprio delle regioni e delle province autonome dall'art. 3, commi 20, 21, 22 e 23, della Legge 28 dicembre 1995, n° 549 (Misure di razionalizzazione della finanza pubblica). La Regione Sardegna ha provveduto a disciplinare la materia con la Legge Regionale 12 agosto 1997, n. 21 e successivamente con la Legge Regionale 20 dicembre 2002, n.25.
Imposta speciale deposito in discarica rifiuti solidi
Il tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi (così definiti e disciplinati dall'art. 2 del decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1982, n. 915) è finalizzato a favorire la minore produzione di rifiuti e a recuperare da questi materia prima ed energia. È stato istituito con la legge 28 dicembre 1995, n. 549, a decorrere dal 1° gennaio 1996.
L’imposta viene applicata sul deposito in discarica dei rifiuti solidi. L’introito dell’imposta va per il 90% alle regioni e per il 10 % alle province. Il 20 % della quota regionale alimenta un fondo regionale destinato a favorire la minore produzione di rifiuti e le attività di recupero di materie prime e di energia, oltre che a realizzare la bonifica dei suoli inquinati.